MENU

Convegni, seminari e visite aziendali

In questa pagina

L'Orto botanico di Firenze è il partner responsabile per la disseminazione del progetto, che avviene grazie a diverse tipologie di eventi e al coinvolgimento di target specifici di partecipanti, tra cui agricoltori, professionisti, amministratori pubblici ma anche hobbisti e pubblico generico.

Le attività di divulgazione e comunicazione, svoltesi tra aprile 2021 e aprile 2022 hanno previsto: 

  • tre incontri tematici in presenza sul protocollo “Ortobioattivo”  svolti rispettivamente presso l'Orto Botanico di Lucca,  l'Orto Botanico di Firenze e le aziende agricole Peperita e Poggio ai Santi, in provincia di Livorno;
  • "Ortobioattivo: sano, buono e salutare": quattro seminari online di approfondimento sul metodo Ortobioattivo, il progetto OBA.NUTRA.FOOD e le tematiche ad essi connesse, quali l'agronomia, la microbiologia agraria e la nutrizione umana;
  • "Ortobioattivo visto da vicino": un ciclo di quattro visite aziendali destinate prioritariamente agli agricoltori e incentrato sulla replicabilità del metodo in differenti contesti pedoclimatici;
  • la realizzazione di una pubblicazione cartacea sull’orticoltura sostenibile e di due depliant sul protocollo  Ortobioattivo e sull'uso dei microrganismi effettivi;
  • la produzione di un video di presentazione del progetto OBA.NUTRA.FOOD e del metodo Ortobioattivo;
  • un convegno conclusivo , svoltosi il 4 aprile 2022 a Firenze.

Azioni di divulgazione e informazione: considerazioni conclusive

"Ortobioattivo: sano, buono e salutare" - seminari online

Il primo incontro, intitolato "Il cibo che fa bene: partiamo dall'orto" si è svolto martedì 18 maggio ed ha visto l'intervento della dott.ssa Ada Baldi, impegnata con il DAGRI dell'Università di Firenze nella definizione del protocollo agronomico di coltivazione, del dott. Gabriele Rinaldi, direttore dell'Orto Botanico di Bergamo e ideatore della Valle della Biodoversità di Astino, e di Andrea Battiata, agronomo e titolare dell'azienda capofila del progetto.

Il secondo seminario si è tenuto martedì 15 giugno ed è stato intitolato " Dal cibo alla salute". Oltre ad Andrea Battiata, i relatori di questo secondo incontro sono stati il prof. Gaio Cesare Pacini, docente di agronomia e coltivazioni erbacee all'Università di Firenze ed il prof. Francesco Sofi, responsabile della ricerca sugli effetti nutraceutici degli ortaggi coltivati con metodo Ortobioattivo.

Il 14 settembre si è tenuto il terzo incontro intitolato "Agricoltura sostenibile e il cibo che cura", che ha visto la partecipazione delle Dott.sse Ada Baldi e Anna Lenzi, del DAGRI dell'Università di Firenze e del Dott. Carlo Triarico, del Centro di Formazione APAB di Firenze. L'incontro si è concentrato sulle pratiche agronomiche alla base del metodo Ortobioattivo e sul valore nutraceutico degli alimenti ottenuti da agricoltura biologica.

Martedì 12 ottobre si è svolto il quarto e ultimo appuntamento online dal titolo "Prospettive di ricerca e sviluppo nel campo dell'orticoltura sostenibile". In questo incontro finale sono intervenuti il Prof. Ugo Bardi dell'Università di Firenze, con un intervento sull'azione della vegetazione nella mitigazione dei cambiamenti climatici, il Dott. Domenico Prisa del Crea e il Prof. Luciano Avio dell'Università di Pisa con due relazioni rispettivamente sull'impiego dei Microrganismi Effettivi e delle Micorrizze in agricoltura.
Nella seconda parte del seminario sono intervenuti il Prof. Graziano Rossi dell'Università di Pavia, che ha parlato di conservazione dell'agrobiodiversità e la dott.ssa Patrizia Gentilini di Medici per l'ambiente, con una relazione sull'approccio One Health e la relazione tra salute umana e salute dell'ambiente. Ha concluso il pomeriggio l'intervento del Dott. Battiata sulle prospettive di sviluppo del metodo Ortobioattivo nell'agricoltura di pieno campo.

Complessivamente i seminari hanno coinvolto oltre 250 persone da diverse regioni italiane e 18 diverse aziende agricole toscana, raggiungendo il target richiesto dalla Regione Toscana che identifica proprio gli agricoltori come destinatari finali delle azioni di informazione e comunicazione dei progetti PSR.

"Il metodo Ortobioattivo" - Incontri temicatici 

"Il metodo Ortobioattivo, il valore e la qualità del cibo: incontro tematico all'Orto Botanico di Lucca"

Venerdì 15 ottobre, con un incontro tematico presso l'Orto Botanico di Lucca, hanno preso il via le attività in presenza del progetto "OBA. NUTRA FOOD".

Dopo una prima visita alle collezioni botaniche a cura della curatrice dott.ssa Alessandra Sani, i partecipanti hanno assistito ad una presentazione del metodo Ortobioattivo da parte di Andrea Battiata, agronomo e capofila del progetto. E' seguito in intenso scambio di domande teorico-pratiche sulla realizzazione dei cassoni dell'Ortobioattivo. Il pomeriggio si è concluso con lo svolgimento di tre tavoli tematici su sicurezza alimentare, agrobiodiversità e valore del cibo guidati rispettivamente da Marco Del Pistoia, agronomo e membro del comitato Slow Food, Giulia Torta, agronoma e borsista di ricerca e da Giorgio Dalsasso, presidente de La Piana del Cibo.

Gli incontri tematici in presenza sono ripresi nella primaversa 2022. Il 19 marzo si è svolto infatti presso l'Orto Botanico di Firenze "Ortobioattivo: buono per te e per il pianeta", il secondo dei tre incontri in programma. L'attività ha riscosso un grande successo sia tra le aziende agricole, principali destinatarie delle azioni divulgative, sia tra i cittadini. Oltre 40 partecipanti per quella che è stata una mattinata dedicata in particolare all'applicazione del metodo Ortobioattivo in contesti scolastici ed educativi.
L'incontro si è concluso con la sperimentazione del gioco a squadre “BigPicnic - Buono per Te, Buono per il Pianeta", realizzato dall'Orto Botanico di Bergamo "Lorenzo Rota" grazie al sostegno economico del BGCI.

Sabato 26 marzo si è tenuto infine l'ultimo incontro tematico, dal titolo "Ortobioattivo in trasferta". L'attività si è svolta infatti in provincia di Livorno e ha preso il via presso l'Az. Agr. Peperita a Bibbona, specializzata nella coltivazione biologica di peperoncini e dove si è tenuto un incontro di approfondimento sulla prpoduzione e l'utilizzo di lombricompost curato dalla dott.ssa Giulia Carpi del Centro Lombricoltura Toscano.  Il gruppo si è poi spostato a San Vincenzo, nell'Az. Agr. Vierucci Francesca, per una visita all'Ortobioattivo appena allestito. Non avremmo potuto desiderare conclusione migliore per questo ciclo di incontri tematici. Entrambe le aziende visitate applicano infatti pratiche di agricoltura organico-rigenerativa da diversi anni e con ottimi risultati, costituendo un esempio virtuoso di quelli che sono i principi agronomici alla base del metodo Ortobioattivo. 

"Il metodo Ortobioattivo visto da vicino"

Si è concluso venerdì 21 gennaio presso l'azienda agricola Ortobioattivo di Firenze, capofila del progetto, il ciclo di quattro visite aziendali dedicate ad imprenditori agricoli e finanziate nell'ambito della sottomisura 1.3 del bando PS GO. La prima visita si era svolta sabato 6 novembre alle 9.30 presso l'azienda agricola Paolo Colzi di Prato, mentre sabato 27 novembre era stata invece la volta della visita all'azienda agricola Enrico Villani, entrambe partner del progetto. Giovedì 2 dicembre la terza visita aveva invece riguardato la cantina e gli orti bioattivi dell'Osteria di Passignano, a Badia a Passignano. 

Novantatre persone, di cui 40 titolari di aziende agricole, sono state complessivamente coinvolte nell'arco dei quattro incontri, che sono stati l'occasione privilegiata per discutere della replicabilità del metodo in altre realtà aziendali e confrontarsi su aspetti tecnici legati alla realizzazione e gestione dell'Ortobioattivo. Non sbagliamo affermando che tutte le visite sono state apprezzate e attivamente partecipate dal pubblico e hanno pienamente raggiunto gli obiettivi di divulgazione, informazione e trasferimento delle conoscenze che sono essenziali nell'ambito della ricerca applicata come quella in campo agricolo.

Ultimo aggiornamento

05.04.2022

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni